Mistress America (2015)

Ci sono film dalla trama complicata, a cui magari non si riesce a star dietro, ma che rispetti e a fine film riescono a farsi volere bene. E poi ci sono film dalla trama lineare, che noiosi non sono, ma ti mettono su un nervoso che vorresti abbandonare a tre quarti, perché tanto non si fanno piacere, non si fanno rispettare, e non interessano. Un esempio? Ta-daaan! Il film di oggi ha vinto questa magnifica onoreficenza del “Mavaffafilm”!

Le protagoniste si impegnano a farsi odiare, il problema è che non si fanno odiare solo dagli altri personaggi, ma dagli spettatori. Il ché andrebbe anche bene in alcuni tipi di film. Lo accetterei volentieri se alla fine si riuscisse almeno ad empatizzare anche un minimo con almeno una di loro. Invece niente. Mi sono sentita solo derubata di un’ora e mezza della mia super importantissima vita!

Trama: New York, giorni nostri. Tracy Fishko (Lola Kirke) si è appena trasferita a New York per frequentare il college. Come tutti gli studenti si era fatta un’idea di come dovesse essere la sua vita lontana da casa, ma ben presto rimane delusa dalla situazione. Tenta di entrare in un gruppo letterario dell’università ma viene scartata e in quell’occasione conosce Tony (Matthew Shear), anch’esso studente al primo anno e anch’esso escluso dal gruppo. I due legano velocemente e Tracy inizia a provare qualcosa per lui, il quale però si fidanza con Nicolette (Jasmine Cephas Jones), una ragazza molto possessiva e gelosa. Tracy si lamenta della situazione a New York con la madre, che le suggerisce di frequentare quella che sta per diventare la sua sorellastra, Brooke Cardinas (Greta Gerwic), 30enne che vive da sempre a New York. Tracy segue il consiglio e scopre il mondo di Brooke, che si rivela essere sì come lei si immaginava la vita dei newyorkesi, ma altamente caotico, perché la sorellastra stessa è caotica e inconcludente. Quest’ultima infatti le racconta vari episodi in cui pare evidente la poca maturità di Brooke, la quale ha sempre una giustificazione per tutto ciò che non è andato come voleva nella sua vita. Tracy le si avvicina tanto e scopre in Brooke il soggetto perfetto per un suo nuovo scritto da presentare al gruppo letterario. Intanto Brooke è alle prese con l’apertura di un ristorante in cui per i clienti saranno disponibili varie attività oltre al poter mangiare. Ma da questo progetto vengono meno gran parte degli investitori, perciò Brooke decide di rivolgersi al suo ex Dylan (Michael Chernus), ormai sposato con l’ex migliore amica di Brooke, Mamie-Claire (Heather Lind). Perciò Brooke crea una macchinata con Tracy, Tony (che ha la macchina) e Nicolette (troppo gelosa per lasciare andare il fidanzato da solo), per arrivare fuori città da Dylan. L’accoglienza non è delle migliori, e nella casa la situazione si fa caotica e surreale: Tracy ci prova con Tony, motivo che lo porta a litigare con Nicolette; Brooke e Mamie-Claire discutono su un vecchio problema; Dylan convince Brooke che la sua idea è rischiosa (l’ennesimo fallimento per Brooke); e infine Brooke viene a conoscenza del manoscritto di Tracy e si offende per come viene descritta. Inoltre, intanto, il fidanzamento tra i genitori di Tracy e Brooke in quei giorni viene rotto. Tornati a New York la situazione resta in fase di stallo, ma Tracy riesce ad entrare nel gruppo letterario per poi scoprire che l’ambiente non le piace e decide di fondare un suo gruppo in cui invita Tony e Nicolette. Inoltre cerca di riallacciare i rapporti con l’ex sorellastra che le fa sapere che è in procinto di partire, per iniziare chissà quale nuovo sconclusionato progetto, e ci riesce, pur continuando a giudicarla, forse con un po’ di affetto in più.

Informazioni

  • Regista: Noah Baumbach
  • Anno: 2015
  • Attori principali: Greta Gerwic, Lola Kirke, Heather Lind, Matthew Shear, Michael Chernus, Jasmine Cephas Jones
  • Genere: Commedia
  • Durata:84

E il mio giudizio è…

A me ha fatto venire il nervoso, però posso comprendere che per alcuni potrebbe essere proprio una bella commedia di analisi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...