Trumbo (2015)

Oggi vi parlo di un film appena uscito e che mi aveva molto incuriosito, fin dalla lettura della trama, quando ho scoperto la sua esistenza.

Ormai conoscete il mio amore per i film storici e tratti da storie vere, e questo ne è uno splendido esempio. Interessante, avvincente, mai noioso anche se lungo (vanno di moda film che superano le 2 ore in questo periodo, soprattutto quelli candidati agli Oscar). Essì, è stato candidato all’Oscar per il “Miglior attore protagonista”. Candidatura un po’ limitante, secondo me meritava anche per altro. Non vedo perché tirarsela per questo piccolo gioiellino.

Trama: Anni 40, Hollywood. Dalton Trumbo (Bryan Cranston) è uno sceneggiatore molto in voga per il tempo, ma le sue ideologie comuniste non vengono viste di buon occhio da molti colleghi e dal Congresso, perché sono idee in contrasto con la politica americana del tempo. Credono infatti che grazie al suo lavoro, si crei una sorta di propaganda degli ideali comunisti proprio nel periodo di inizio della Guerra Fredda. Ma Trumbo non è l’unico, ci sono un’altra decina di suoi colleghi coinvolti. Tutti vengono processati e arrestati. Per loro rientrare nel mondo del lavoro dopo il carcere risulta molto difficile, perché ostacolati dai ricatti dell’Alleanza, un’associazione di attori, registi e giornalisti che non condividono il loro pensiero politico. Tra questi spicca la giornalista ed ex attrice Hedda Hopper (Helen Mirren), in grado, grazie al suo lavoro, di spingere le folle a boicottare i film attraverso giudizi negativi. I produttori sono allora messi alle strette e non possono più ingaggiare coloro che sono stati arrestati, almeno sulla carta. Infatti è proprio questo che succede a Trumbo, continua a scrivere e lavorare, ma creando vari pseudonimi, e mandando i componenti della propria famiglia a consegnare i propri scritti, per evitare di farsi scoprire. In questo modo riesce a vincere due Oscar, uno per “Vacanze romane” e l’altro per “La più grande corrida”, ma non li accetta finché la figlia Niki (Elle Fanning) non lo convince che ormai non ha più niente da temere. Di lì in poi smetterà di lavorare in incognito, scrivendo anche “”Exodus” ed “Spartacus”, ed è proprio che attraverso quest’ultimo film, finirà del tutto la campagna contro gli artisti comunisti, quando Kennedy, intervistato dopo aver visto il film, esprimerà il proprio apprezzamento a riguardo.

Informazioni

  • Regista: Jay Roach
  • Anno: 2015
  • Attori principali: Bryan Cranston, Helen Mirren, Elle Fanning, Diane Lane, Louis C.K.
  • Genere: Biografia, Drammatico
  • Durata: 124

E il mio giudizio è..

Davvero un bel film biografico.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...