Inside out (2015)

Sapete quando vedete di sfuggita un trailer di qualche film in tv e ne rimanete affascinati? Anche se non avete capito assolutamente niente della trama? Ecco, qualche mese fa, nelle mie solite ricerche in internet senza fili conduttori, ero venuta a conoscenza di questo film ed ero in trepidante attesa del suo arrivo al cinema. Non sapevo cosa attendere di più tra Inside Out e i Minions.. Alla fine li ho visti entrambi, e tra i due ho preferito questo.

Non so se è per suoi meriti o perché il film dei Minions mi abbia un po’ deluso (oppure colpa mia perché carica di aspettative), ma l’ho trovato un film estremamente originale per il suo genere, che però parte dalle solite basi della Pixar (la famiglia e l’infanzia, come si può riscontrare in Toy Story e Alla ricerca di Nemo).

Trama: Fin dalla nascita, Riley possiede, in una zona della sua mente detta Quartier Generale, le 5 emozioni che controllano il suo modo di fare: Gioia, Tristezza, Paura, Disgusto e Rabbia. Ognuna di queste si occupa di una specifica parte del suo carattere, attraverso una consolle nel Quartier Generale. Qui arrivano tutti i ricordi di Riley, ognuno di un colore specifico che dipende dall’emozione provata dalla bambina, e alla fine della giornata questi ricordi sferici vengono inviati nella Memoria a Lungo Termine, ad eccezione dei ricordi base, ricordi che caratterizzano la bambina per quel che è e che creano le Isole della Personalità: le isole della Famiglia, dell’Amicizia, dell’Hockey, dell’Onestà e della Stupidera. In gruppo di emozioni è però capeggiato prevalentemente da Gioia, che agisce in modo da rendere Riley una bambina solare e felice, ma che purtroppo evita che la bambina provi un po’ tutte le emozione, in special modo la Tristezza. La vita della bambina viene stravolta quando la famiglia si trasferisce dal Minnesota a San Francisco, dove la bambina non avrà più vicino la sua amica né la possibilità di giocare ad hockey. La situazione è ancora peggiorata dal fatto che la nuova casa non soddisfa le aspettative di Riley, anche perché i mobili tardano ad arrivare. Ma a dare la mazzata finale, è la figura che fa il primo giorno di scuola, quando, parlando alla classe, scoppia a piangere. Questo strano avvenimento è dovuto al fatto che nel Quartier Generale, Tristezza, mossa da non si sa quale motivo, inizia a toccare i ricordi, che cambiano colore e iniziano ad avere una sfumatura di tristezza. Il pianto genera un nuovo Ricordo Base e Gioia, per evitare che vada insieme agli altri Ricordi Base, attiva il tubo di aspirazione (che porta i ricordi nella Memoria a Lungo Termine) che porta sia lei, che i Ricordi Base, che Tristezza, lontano dal Quartier Generale, che resta di fatto sotto le mani di Paura, Rabbia e Disgusto. Gioie e Tristezza quindi, intrappolate nella Memoria a Lungo Termine, intraprenderanno un viaggio per ritornare al Quartier Generale, aiutate da Bing Bong, l’amico immaginario di Riley, in cui Gioia capirà finalmente l’importanza di Tristezza. Nel frattempo, presi dal panico del non riuscire a sostituire Gioia, le altre tre emozioni nel Quartier Generale, decideranno che la cosa giusta sarà far scappare Riley di casa e farla tornare in Minnesota, per ricostruire i Ricordi Base e quindi anche le Isole della Personalità. Per fortuna,Gioia e Tristezza riusciranno a tornare in tempo e Gioia affiderà a Tristezza la consolle, la quale porterà Riley a pentirsi della sua decisione e tornare a casa, dove la bambina spiegherà le sue ragioni ai genitori. Si creerà un nuovo Ricordo Base, questa volta bicolore, perché i ricordi non sono mai caratterizzati da un’unica emozione.

Informazioni

  • Regista: Pete Docter e Ronnie del Carmen
  • Anno: 2015
  • Genere: Animazione
  • Durata: 94
  • Premi: Per ora nessuno, anche se…

E il mio giudizio è..

Vederlo vederlo vederlo vederlo. Divertente, colorato e curioso. E il momento tristissimo non è all’inizio come in UP, quindi lo si vive con cuore più leggero!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...