Foxcatcher (2014)

Oggi doppietta! E ora non vi parlo di un film qualunque, ma di un film che esce proprio oggi nelle sale!

Foxcather è un film strano. Racconta di una storia vera, di qualche tempo fa. È un film cupo, triste, lento. Insomma, non mi è piaciuto. Soprattutto perché ti lascia un macigno addosso, immotivato e inutile. Forse sarà colpa dell’oggetto, non proprio una barzelletta, o forse proprio del regista, che ha voluto dare toni scuri e misteriosi sia all’ambiente che ai protagonisti. Due lottatori olimpici, fratelli, di cui il più grande, David Schultz, più famoso, determinato e con una vita soddisfacente (ha già moglie e figli), e il più piccolo, Mark, che seppur legato al fratello (che pare quasi un padre per lui) viene spesso messo in ombra, e perciò appena arriva l’offerta di trasferirsi in Pennsylvania da un nuovo allenatore, coglie la palla al balzo. Il problema è che questo nuovo allenatore, John E. Du Pont, erede di una famiglia miliardaria produttrice di armi, soffre di disturbi psicologici dovuti al rapporto con la madre. Infatti è una figura particolare, a tratti infantile, fastidiosa, capricciosa, a cui gli altri devono sottomettersi e rispettare, nonostante le idee assurde. Ma la pecca principale è che scorre lentissimo, ti fa sudare quelle due ore che sembrano quattro, con tutti gli intermezzi musicali (tristissimi) e le riprese dell’ambientazione (boschi, più che altro).

Trama: Pennsylvania, anni 80. Mark (Channing Tatum) e Dave (Mark Ruffalo) sono due lottatori già affermati e premiati. Mark viene contattato da John E. Du Pont (Steve Carell) per unirsi al suo team, i Foxcatcher, da lui istituito e allenato. La stessa proposta viene fatta anche a Dave, tramite Mark, che però declina per non trasferirsi con l’intera famiglia. Mark si avvicina sempre più a Du Pont e continua a vincere, diventando quindi la sua punta di diamante. Durante uno degli allenamenti però, Du Pont trova tutta la sua squadra a vedere la tv, e ciò provoca una sfuriata che fa allontanare Mark. Ma nel frattempo riesce a convincere Dave ad unirsi a loro. Durante le selezioni per le olimpiadi dell’88, Mark inizialmente perde i suoi incontri, grazie anche alle abitudini di vita dismessa insegnatogli da Du Pont, ma poi si riprende grazie all’aiuto del fratello. Intanto la madre di Du Pont, che non vedeva di buon occhio la lotta, provocando un senso di inadeguatezza nel figlio, muore. Durante le Olimpiadi, Mark perde e decide di lasciare il team, mentre Dave resta ad allenare. Dopo qualche tempo Du Pont rivede delle interviste di Mark, che gli provocano un attacco di follia che lo portano a sparare a Dave, uccidendolo. Dopo una mini caccia all’uomo, Du Pont viene arrestato.

Informazioni

  • Regista: Bennett Miller
  • Anno: 2014
  • Attori principali: Channing Tatum, Mark Ruffalo, Steve Carell, Sienna Miller
  • Genere: Drammatico, biografia
  • Durata: 134
  • Premi: 1 premio al Festival di Cannes

E il mio giudizio è..

Un macigno. O, alla pugliese, un chiummo!

Annunci

Un pensiero su “Foxcatcher (2014)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...