Birdman (2014)

Ebbene, oggi non posso proprio esimermi dal recensire a modo mio il film del giorno, ovvero il vincitore di ben 4 premi Oscar, tra cui l’ambitissimo “Miglior film”. Signori e signore, stasera parliamo di Birdman!

Birdman è un film strano, senza girarci troppo intorno. Mentre lo guardi, non sai se quello che succede sta davvero succedendo al personaggio o è frutto del suo subconscio. E infatti arrivi alla fine del film con gli occhi sbarrati e almeno una ventina di punti interrogativi che ti spuntano sopra la testa. A livello tecnico inoltre ti stupisce per la ripresa in continuo, è come se non ci fosse mai un cambio di scena e segui così per 4 giorni i personaggi che ti portano alle scene successive facendoti vedere cosa succede dietro le quinte di un teatro. Il tutto è condito da degli intermezzi musicali studiati ad hoc. Per quanto riguarda gli attori, è un cast riuscito, forse più i non protagonisti più che lo stesso Michael Keaton.

Trama: New York, giorni nostri. Siamo in uno dei tanti teatri di Broadway e vediamo Riggan (M. Keaton) sospeso in aria nel suo camerino. Lui è il protagonista di questo film, lui è la star del cinema caduto ormai in disgrazia (sia a livello lavorativo che familiare), lui è colui che intraprende la strada del teatro per dimostrare a se stesso che può reinventarsi. A ostacolarlo ci sono tre anteprime del suo spettacolo in cui niente va per il verso giusto, il suo alter ego Birdman che gli parla per convincerlo a tornare al cinema per riprendere il suo posto da supereroe, un nuovo splendente attore appena arrivato per risolvergli i problemi a 3 giorni dallo spettacolo (E. Norton), la figlia ex tossica che lo guarda torvo per tutto il tempo perché non è stato un padre presente (E. Stone), una critica letteraria del New York Times che gli dice senza mezzi termini che scriverà peste e corna del suo spettacolo. Il giorno della prima, dopo ulteriori vicissitudini, si presenta sul palco con una vera pistola al posto della falsa che gli serve durante una scena e si spara sul naso. Si risveglia in ospedale dove scopre che il suo spettacolo ha avuto successo grazie alla sua trovata e scopre di essersi liberato del fantasma che lo attanagliava.

Informazioni

  • Regista: Alejandro Gonzalez Inarritu
  • Anno: 2014
  • Attori principali: Michael Keaton, Edward Norton, Emma Stone
  • Genere: Drammatico
  • Durata: 119 minuti
  • Premi: 4 Oscar, 2 Golden Globe, altri.

E il mio giudizio è..

Okay,ha vinto tanti Oscar, forse qualcuno più meritato di altri, forse anche perché le giurie, fatte prevalentemente da attori, si sono immedesimate. Nonostante non fosse il mio preferito, io dico, “Perché no?”. Buona visione!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...